Piccola deformazione professionale. Oggi vi parlo di una cosa che mi sta particolarmente a cuore e che è legata a un tema per me fondamentale in questo periodo della storia dell’umanità (mi sa che ho iniziato sto post con parolone troppo grosse, ma andiamo avanti). Sto parlando della “sostenibilità”.. Ma non solo di quella ambientale, intendo qualcosa di più profondo, la sostenibilità come concetto, come principio ispiratore di vita, una vita semplice, che scivola via come un fiume, e non subordinata a tanti inutili eccessi. Sia ben chiaro: non voglio certo farvi la morale.. Non è questo né il posto né il momento.

La musica junk, cioè quella realizzata dal recupero di rifiuti e materiali riciclabili, è diventata un vero e proprio “genere” musicale. Di band che creano, suonano e vivono la musica attraverso i rifiuti ce ne sono tante, ma quella che vi segnalo oggi è davvero particolare: si tratta dei napoletani “Capone & Bungt Bangt”. Un gruppo molto conosciuto nell’ambiente artistico, avendo partecipato al Festival di Sanremo e avendo collaborato con artisti del calibro di Jamiroquai, Planet Funk e Vinicio Capossela. Ma che probabilmente, qui su al nord, pochi hanno sentito nominare. A dimostrare come quello campano-napoletano sia, ad oggi, uno degli ambienti musicali più all’avanguardia in Italia (e che purtroppo la maggior parte conoscono solo per il triste Giggggi D’Alessio!! Phuaa!!).

Ciò che li contraddistingue non è tanto il genere di musica che suonan: un misto tra musica reggae, tribale, etnica e da velati toni partenopei, ma questo sito:
Una vera e propria accademia di strada, dove attraverso semplici spiegazioni guidate e sapienti filmati, ci insegnano a “far suonare le cose”, creando strumenti fatti in casa dai rifiuti.

Volete sapere come creare una chitarra elettrica da una scopa?!
Avete sempre sognato di suonare la batteria ma non avete i soldi per comprarla. Ecco come costruire un set di percussioni con materiali riciclati e a pochissimo prezzo?!
Potete addirittura creare brani techno da una lamiera in metallo!!!

Qui sotto due video in cui i Bungt Bangt spiegano come costruire e come suonare questi rifiuti.. Ops.. Scusatemi.. Strumenti.

La scopa elettrica

La “bu-atteria”

Ma vi invito a esplorare un po’ tutti i video che ci sono nel loro sito. Un misto di creatività, fantasia, semplicità e SOSTENIBILITA’! Davvero sensazionali!!

di Mario Guidolin