Diciamolo subito,
prendere un taxi a Dubai è spesso una jungla nera.

I tassisti prima di tutto lavorano 12 ore al giorno… (l’ho chiesto a più di qualcuno e tutti hanno confermato). Lavorano troppo e sono mal pagati, per altro pensateci… uno che guida in continuazione per 12 ore… non è come star seduti in ufficio, questi sfrecciano per strade trafficatissime (Sheikh Zayed Road, la strada principale, che taglia in due zone dubai, ha ad esempio 7 corsie per lato)

Per farla breve sono un pericolo su quattro ruote per loro stessi e virtualmente per chiunque.
Anche se l’Autorità per i Trasporti ha seri controlli sulla qualità del servizio i tassisti, per lo più nativi dell’area asiatica e medio orientale, girano in una città cosmopolita e avanguardista come Dubai, un poco come girerebbero in una qualunque Mumbai… si muovono “a naso”.

Se entri in un taxi, chiedi di andare in un posto, e il tassista non sa di cosa tu stia parlando, per esperienza personale più volte ripetuta… ESCI IMMEDIATAMENTE DAL TAXI, è solo una perdita di soldi e tempo. Nemmeno con i più sofisticati GPS riuscirai ad arrivarci, anche perché spesso proprio non li sanno leggere. Funziona già un poco meglio con le direzioni del GPS dettate dalla voce guida, ma anche qui… dipende da caso a casa.
Per lo più un criterio abbastanza valido che ho individuato è l’Età. Se sono giovani (40-) … ci si può fidare anche di più. Sopra i 40 anni tutto può succedere.

COSTO: Il servizio non è particolarmente costoso se paragonato agli standard europei e soprattutto italiani, diciamo che in media si va da una parte all’altra di Dubai (che è una città che si sviluppa molto in lunghezza) con poco più di venti euro.
La tariffa base di partenza è 3 dirham in generale, e 25 dirham (c’è una tassa) se si parte dall’aereoporto. Il minimo da pagarsi è sempre 10 dirham (anche se consumi 7 paghi 10… diciamo un minimo sindacale garantito per il disturbo).

I RESTI E I PAGAMENTI: a Dubai il taxi si paga sempre e solo CASH. E guai ad avere più soldi di quelli che servono. Se il taxi driver ha appena iniziato la giornata non si capisce come mai, davvero… non ha resto da darvi, e vuole essere pagato.
Ieri 70 dirham per me si son trasformati in 100 per una difficoltà di questo tipo, peggio ancora qualche mese fa quando di prima mattina ho lasciato una mancia di 90 dirhams per fare circa un km e mezzo.

Insomma, attenzione con i Taxi a Dubai.
Un feedback invece per i nostri tassisti italiani. Non di rado dagli espatriati che incontro qui a Dubai mi capita di sentire storie di “truffe” (nel senso che i nostri taxi sono troppo costosi) e di maleducazione.
Diciamolo subito,
prendere un taxi a Dubai è spesso una jungla nera.

I tassisti prima di tutto lavorano 12 ore al giorno… (l’ho chiesto a più di qualcuno e tutti hanno confermato). Lavorano troppo e sono mal pagati, per altro pensateci… uno che guida in continuazione per 12 ore… non è come star seduti in ufficio, questi sfrecciano per strade trafficatissime (Sheikh Zayed Road, la strada principale, che taglia in due zone dubai, ha ad esempio 7 corsie per lato)

Per farla breve sono un pericolo su quattro ruote per loro stessi e virtualmente per chiunque.
Anche se l’Autorità per i Trasporti ha seri controlli sulla qualità del servizio i tassisti, per lo più nativi dell’area asiatica e medio orientale, girano in una città cosmopolita e avanguardista come Dubai, un poco come girerebbero in una qualunque Mumbai… si muovono “a naso”.

Se entri in un taxi, chiedi di andare in un posto, e il tassista non sa di cosa tu stia parlando, per esperienza personale più volte ripetuta… ESCI IMMEDIATAMENTE DAL TAXI, è solo una perdita di soldi e tempo. Nemmeno con i più sofisticati GPS riuscirai ad arrivarci, anche perché spesso proprio non li sanno leggere. Funziona già un poco meglio con le direzioni del GPS dettate dalla voce guida, ma anche qui… dipende da caso a casa.
Per lo più un criterio abbastanza valido che ho individuato è l’Età. Se sono giovani (40-) … ci si può fidare anche di più. Sopra i 40 anni tutto può succedere.

COSTI: Il servizio non è particolarmente costoso se paragonato agli standard europei e soprattutto italiani, diciamo che in media si va da una parte all’altra di Dubai (che è una città che si sviluppa molto in lunghezza) con poco più di venti euro.
La tariffa base di partenza è 3 dirham in generale, e 25 dirham (c’è una tassa) se si parte dall’aereoporto. Il minimo da pagarsi è sempre 10 dirham (anche se consumi 7 paghi 10… diciamo un minimo sindacale garantito per il disturbo).

I RESTI E I PAGAMENTI: a Dubai il taxi si paga sempre e solo CASH. E guai ad avere più soldi di quelli che servono. Se il taxi driver ha appena iniziato la giornata non si capisce come mai, davvero… non ha resto da darvi, e vuole essere pagato.
Ieri 70 dirham per me si son trasformati in 100 per una difficoltà di questo tipo, peggio ancora qualche mese fa quando di prima mattina ho lasciato una mancia di 90 dirham per fare circa un km e mezzo.

Insomma, attenzione con i Taxi a Dubai.
Un feedback invece per i nostri tassisti italiani. Non di rado dagli espatriati che incontro qui a Dubai mi capita di sentire storie di “truffe” (nel senso che i nostri taxi sono troppo costosi) e di maleducazione.

Per maggiori info consultare: dubai-taxi.com
Il numero da chiamare se non avete una prepagata locale è +971 42080808