Il modo in cui il ritmo viene gestito attraverso i repentini scambi di immagini davvero mi lascia senza parole.